“Capra e calcoli. L’eterna lotta tra gli algoritmi e il caos”, di Marco Malvaldi

22 marzo 2017

#TITOLIDIVIAGGIO Titoli di viaggio. Di libri e di treni.

“Nel 1921 il pittore surrealista francese Philippe Soupault espose un quadro dal titolo Ritratto di un imbecille. Si trattava di uno specchio incorniciato.”

Lo stile ironico di Malvaldi e i calcoli matematici.
“Capra e calcoli. L’eterna lotta tra gli algoritmi e il caos” potrebbe essere riassunto così.
L’andamento vispo che si trova ne i delitti del Barlume mischiato a teoremi, esperimenti, calcoli, algoritmi, formule più o meno ignote.
Malvaldi spiega al nostro lato “capra” cose del tutto lontane dalla portata di chi non è matematico di professione, e lo fa con semplicità.
E soprattutto fa notare quanto la tecnologia (e tutto ciò che le sta dietro) sia quotidianamente sotto i nostri occhi e nelle nostre vite. E dunque perché non saperne di più?
Usiamo il computer più di quello che crediamo, ma sappiamo davvero come funziona?
Ecco leggete Malvaldi, e tutto sarà più chiaro.
E soprattutto “Capra e calcoli. L’eterna lotta tra gli algoritmi e il caos” contiene la soluzione ad un grande mistero: perché quando una fetta biscottata cade, cade dal lato della marmellata?

Io adesso lo so. E voi lo sapete?

Precedente “L’arte di correre”, di Haruki Murakami Successivo “Harjunpaa e il figlio del poliziotto”, di Matti Yrjänä Joensuu